Sentinelle in piedi e ben pensanti accomodati

Risposta "intollerante" ai tolleranti di regime

creata il 2017-10-10 FAMIGLIA

Può capitare nella vita di essere considerato intollerante perché partecipi a una manifestazione per difendere la libertà d’opinione e di espressione.
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante perché consideri ingiusta e pericolosa una legge, il Ddl Scalfarotto che introdurrebbe il reato d’opinione, con detenzione da 18 mesi a 6 anni e che andrebbe a colpire chiunque in teoria non sia d’accordo con l’ideologia Gender, non definendo chiaramente nel testo il reato di omofobia.
 
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante perché consideri ingiusto e pericoloso lasciare al primo magistrato che incontri la discrezionalità di stabilire che cosa possa essere omofobia e cosa no.
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante perché pensi che il diritto italiano contenga già norme che consentono di punire la violenza e l’istigazione alla violenza contro qualsiasi cristiano, senza la necessità di “quote panda” o nuovi istituti ad hoc, tipici di chi vuol lavarsi la coscienza perché non riesce o non vuole applicare le leggi già esistenti.
 
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante perché “imbracci” un libro e, per un’ora, lo leggi in silenzio mentre altri, loro sì “tolleranti”, ti girano attorno contromanifestando e insultando, e soprattutto schedando i presenti, come già faceva certa militanza comunista negli anni ’70, grazie all’opera di un solerte fotografo.
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante anche se pensi che una persona sia libera di dire che i bambini possano crescere in modo sano all’interno di una coppia di persone dello stesso sesso, benché non lo condivida, e allo stesso tempo vorresti essere libero di affermare che per un bambino è meglio crescere in una coppia formata da un uomo e una donna e non da un genitore 1 e da un genitore 2.
 
Può capitare nella vita di essere considerato intollerante anche se ritieni che gli omosessuali hanno tutto il diritto di manifestare per la tutela dei loro diritti, e benché non condivida assolutamente l’ideologia Gender (perché un conto sono i diritti dei singoli un altro l’affermazione di un modello sociale), non ti è mai passata nemmeno per l’anticamera del cervello l’idea di andare a contromanifestare alle loro iniziative.
E nonostante nella vita possa capitare di essere considerato intollerante, ritieni sempre valida la massima di Voltaire: “Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu sia libero di esprimerla”.

Altri Post